Dioniso ed il Pirata Etrusco

Prima fase di modellazione, prevede lo sbozamento della figura e lo svuotamento della stessa suddividendo la scultura in due valve. La lunga coda del delfino viene sorretta inizialmente da un pilastrino di creta.

Un ringraziamento va alla prof.ssa Adriana Segazzi con i suoi consigli preziosi.

21361025_1634219643296817_1864106352_n

Dopo la cottura il biscotto viene trattato con pitture a base ferrosa con acidi reaggenti per ottenere la patinatura del finto bronzo.

Il risultato finale è questo. La libera rappresentazione del mito della trasformazione dei pirati etruschi in delfini ad opera di Dioniso.

21397625_1634219699963478_1427660770_n

Facebook page: ANSER

Instagram profile: atelieranser

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...