Tarquinia & Cervetery Etruscan UNESCO site

RTEmagicC_Tomba_Leopardi_copertina_02.jpg

Do you have seen this etruscan UNESCO site?
https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=video&cd=5&cad=rja&uact=8&ved=0CDsQtwIwBA&url=http%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3DYheIckLuV7c&ei=LHpSVbqmAczfUfC_gdAI&usg=AFQjCNGR-A8nL5wXGSQHlBORyu5dLQEmkg&bvm=bv.92885102,d.bGg

https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=video&cd=1&cad=rja&uact=8&ved=0CCkQtwIwAA&url=http%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3DYuN90JmkzP8&ei=LHpSVbqmAczfUfC_gdAI&usg=AFQjCNHqGguofTL7ZjyfahNYfK1ZSrINuA

Le necropoli di Cerveteri e Tarquinia, inserite nel 2004 nel World Heritage List dell’UNESCO, costituiscono una testimonianza unica ed eccezionale dell’antica civiltà etrusca, la sola civiltà urbana dell’epoca pre-romana in Italia. Gli affreschi all’interno delle tombe – vere e proprie riproduzioni di case etrusche – riproducono in maniera fedele la vita quotidiana di questa cultura scomparsa. I tumuli stessi riproducono tipologie di edifici che non esistono più in nessun altra forma.

Le due necropoli del Lazio settentrionale, fedeli repliche dei sistemi urbanistici etruschi, sono tra i primi esempi di nuclei sepolcrali esistenti in Italia. La necropoli della Banditaccia di Cerveteri, si è sviluppata dal IX secolo a.C. e fu ampliata a partire dal VII secolo, seguendo un piano urbanistico ben definito. Simile è la storia e lo sviluppo della necropoli dei Monterozzi di Tarquinia.
Le tombe dipinte dei nobili, così come quelle più semplici, sono le uniche straordinarie testimonianze della vita quotidiana, delle cerimonie, della mitologia e delle capacità artistiche del popolo etrusco.

Gli Etruschi abitarono l’Italia centro-occidentale, tra Toscana e Lazio, a partire dal IX secolo a.C., e la loro cultura raggiunse il culmine nel VI secolo a.C. prima di scomparire definitivamente sotto l’impatto della civiltà romana con cui in parte si fuse. Non vi è ancora una risposta definitiva alle domande degli studiosi circa le origini di questa popolazione. E’ certo che tra Europa e Asia non vi è alcuna traccia di comunità con le stesse caratteristiche sia etniche che sociali.

La necropoli di Cerveteri
Le tombe delle due necropoli hanno caratteristiche molto diverse tra loro in riferimento sia al periodo sia al sistema di sepoltura. Quelle del vasto sito archeologico di Cerveteri sono migliaia. Organizzate in un piano urbanistico simile a quello di una città con strade, piazzette e quartieri, loro tipologia varia in relazione al periodo storico e allo status della famiglia cui appartenevano.

Tra gli esempi più rappresentativi di queste costruzioni c’è la la Tomba dei Vasi Greci, risalente al VI secolo a.C. e accessibile attraverso un corridoio che imita un tempio etrusco. La Tomba della Cornice invece ha un accesso “a salire” che forma un breve camminamento da cui si aprono due camere “minori” con altrettanti letti funebri posti ai lati il cui passaggio sbocca su una vasta stanza centrale verso la quale si affacciano le tre camere funerarie principali. Mentre la Tomba dei Capitelli deve la sua peculiarità al tetto piano che riproduce fedelmente quello delle abitazioni con una struttura a travi di legno e incannucciata.

La più famosa tra le migliaia della Banditaccia è però la Tomba dei Rilievi. Risalente al IV secolo, è accessibile attraverso una lunga scalinata scavata nella roccia che porta a una grande sala con un soffitto sorretto da due colonne con capitelli eolici. Comprende 13 nicchie funerarie matrimoniali di stucco dipinto con cuscini rossi, oggetti di uso domestico ed animali, un vero spaccato di vita quotidiana di una agiata famiglia etrusca del IV-III secolo a.C.

La necropoli di Tarquinia
La necropoli dei Monterozzi di Tarquinia è famosa per le sue tombe dipinte, ricavate nella roccia e accessibili da corridoi inclinati o gradini. La maggior parte di esse è stata costruita per una sola coppia e costituisce una camera sepolcrale. Le prime tombe dipinte sono del VII secolo, ma solo dal VI secolo esse sono state completamente affrescate.

Tra le più famose la Tomba delle Leonesse, risalente al IV secolo, consiste in una piccola camera con tetto a doppio spiovente. Il dipinto raffigura uccelli che volano e delfini che saltano attorno a scene di vita dell’aristocrazia etrusca. La Tomba del Cacciatore, del VI secolo a.C., rappresenta l’interno di una tenda, un vero e proprio padiglione di caccia con la sua struttura di sostegno in legno. La Tomba della Caccia e della Pesca, una delle più famose e studiate; composta da due camere, nella prima vi è una rappresentazione di danza dionisiaca in un bosco sacro, mentre nella seconda, una scena di caccia e pesca insieme ai ritratti dei proprietari della tomba.
Nei dintorni
I numerosi visitatori che ogni anno affollano le necropoli spesso raggiungono le località dell’Alto Lazio a seguito di una visita alla città eterna, Roma, oppure durante il soggiorno in Toscana e alle Terme di Viterbo. La zona è inoltre caratterizzata da una ricca tradizione enogastronomica e vitivinicola e offre a viaggiatori e turisti molte occasioni di degustazione di piatti e prodotti tipici come il Vino Cerveteri DOC o l’Olio DOP Canino e di intrattenimento nei periodi di festa.

fonte: http://www.italia.it/it/idee-di-viaggio/siti-unesco/le-necropoli-di-cerveteri-e-tarquinia.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...